La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Zaccheo
Zaccheo Piccolo di statura capo di gente per bene, salì in cima al sicomoro perché passava un uomo. Ma sta guardando proprio me; chi gli avrà detto il mio nome? Cosa faccio, mi nascondo. Non posso, scendo giù. Zaccheo scendi presto voglio entrare in casa tua Zaccheo scendi presto voglio entrare in casa tua. È un mormorio sottile che non ha mai un nome; coprì le case, coprì le strade, ma non coprì il suo cuore. Ti do la gioia ed il mio pane, nella mia casa in questo giorno c’è la salvezza, c’è il perdono: vive un uomo nuovo.