La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Tardi t'amai
- fin - T: S. Agostino - (r2:858)
Tardi t'amai, bellezza infinita, tardi t'amai, tardi t'amai, bellezza così antica e così nuova. Eppure, Signore, tu eri dentro me ma io ero fuori; deforme com'ero guardavo la bellezza del tuo creato. Eri con me e invece io, Signore non ero con te; le tue creature mi tenevano lontano, lontano da te. Tu mi chiamasti e quella tua voce squarciò la sordità; tu balenasti e fu dissipata la mia cecità. Tu emanasti il dolce tuo profumo: di te ho fame e sete: tu mi hai toccato ed ora io anelo alla tua pace.