La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Adoro te devote
[

vedi: f21 f31

] - euc com inn sss - Testo di S. Tommaso d'Aquino (? 1225 – 1274) - (g5: 67) ( )
Adóro te devóte, latens Déitas, quae sub his figúris vere látitas: tibi se cor meum totum súbjicit, quia te contémplans totum déficit. Visus, tactus, gustus in te fállitur, sed audítu solo tuto créditur. Credo quidquid dixit Dei Fílius; nil hoc verbo veritátis vérius. In cruce latébat sola déitas; at hic latet simul et humánitas. Ambo tamen credens atque cónfitens peto quod petívit latro poénitens. Plagas sicut Thomas non intúeor; Deum tamen meum te confíteor. Fac me tibi semper magis crédere, in te spem habére, te dilígere. O memoriále mortis Dómini, Panis vivus vitam praestans hómini, praesta meae menti de te vívere, et te illi semper dulce sápere. Pie Pellicánae, Jesu Dómine, me immúndum munda tuo sánguine, cujus una stilla salvum fácere totum mundum quit ab omni scélere. Jesu quem velátum nunc auspício, oro fiat illud quod tam sítio: ut, te reveláta cernens fácie, visu sim beátus tuae glóriae. Amen. Ti adoro devotamente, o Dio nascosto, davvero presente sotto questi segni: il mio cuore a te tutto si affida perché, contemplandoti, tutto viene meno. La vista, il tatto, il gusto, non ti percepiscono, ma solo per l'ascolto si crede con certezza. Credo tutto ciò che detto il Figlio di Dio; nulla è più vero di questa parola di verità. Sulla croce solo la divinità era celata, qui anche l'umanità non appare, ma credendo e confessando entrambe chiedo ciò che chiese il ladrone pentito. Non tocco le ferite come Tommaso, ma pur ti professo, mio Dio. Fa' che io creda sempre più in te, in te speri, ami te. O memoriale della morte del Signore, pane vivo che dà la vita all'uomo, fa' che il mio spirito viva di te e abbia sempre il dolce gusto di te. Come l'amorevole pellicano, o Gesù Signore, purifica me, immondo, col tuo sangue, di cui una goccia può purificare tutti i peccati. Oh Gesù, che velato ora osservo, che tu possa dissetare la mia sete di te: affinché, scoperto il tuo volto, possa essere beato contemplando la tua gloria. Amen.