La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Regem venturum
- avv
Regem ventrum Dminum, vente, adormus. Jucundre, flia Sion, / et exlta satis, flia Jersalem. + Ecce Dminus vniet, / et erit in die illa lux magna, / et stillbunt montes dulcdinem, * et colles fluent lac et mel; / quia veniet Prophta magnus, / et ipse renovbit Jersalem. Ecce vniet Deus / et Homo de domo David sedre in throno, * et vidbitis et gaudbit cor vestrum. Ecce vniet Dminus protctor noster, / Sanctus Isral, / cornam regni habens in cpite suo: * et dominbitur a mari usque ad mare, / et a flmine usque ad trminos orbis terrrum. Ecce apparbit Dminus, et non mentitur: * si mora fcerit, expcta eum, / quia vniet, et non tardbit. Descndet Dminus sicut plvia in vellus, + oritur in dibus eius iusttia / et abundntia pacis: * et adorbunt eum omnes reges terrae, / omnes gentes srvient ei. Nasctur nobis prvulus / et vocbitur Deus fortis; + ipse sedbit super thronum David patris sui, / et imperbit; * cuius potstas super humerum eius. Bethlehem, cvitas Dei summi, / ex te xiet Domintor Isral, + et egrssus eius / sicut a princpio dirum aeternittis, * et magnificbitur in medio univrsae terrae; / et pax erit in terra nostra dum vnerit. (la vigilia si aggiunge:) Crstina die delbitur inquitas terrae, * et regnbit super nos Salvtor mundi. Prope est iam Dminus: vente, adormus. Venite, adoriamo il Re nostro Signore che sta per venire. Gioisci, figlia di Sion, e trasali di gioia / figlia di Gerusalemme. + Ecco verr il Signore / e in quel giorno vi sar una grande luce, * i monti stilleranno dolcezza, / dai colli sgorgheranno latte e miele, perch verr il grande Profeta / e rinnover Gerusalemme. Ecco, verr Dio, / e un Uomo della casa di Davide sieder sul trono; * voi lo vedrete e il vostro cuore sar colmo di gioia. Ecco, verr il Signore, nostra forza, / Santo d'Israele, / cingendo la corona regale; * e regner da un mare all'altro / e dal fiume ai confini della terra. Ecco, il Signoresi manifester senza alcun inganno * se tarder, aspettatelo vigilanti, / perch verr senza indugio. Il Signore scender come pioggia sull'erba + nei suoi giorni fiorir la giustizia / e abbonder la pace: * a lui tutti i re si prostreranno, / lo serviranno tutte le nazioni. Nascer per noi un bambino, / e sar chiamato Dio potente; + si sieder sul trono di Davide, suo padre, e forte sar il suo comando; * il segno della sovranit sar posto sulle sue spalle. Betlemme, citt di Dio altissimo / da te verr il dominatore d'Israele; + le sue origini sono / dall'eternit * e sar glorificato in tutto il mondo; / quando verr stabilir la pace sulle nostra terra. Domani sar cancellato il peccato della terra, * e regner su di noi il Salvatore del mondo. E' prossimo ormai il Signore: venite, adoriamo.