La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Iesu dulcis memoria
[

vedi: p12 p13 p14 f21

] - ad Vesperas - (g5: 84)
Jesu dulcis memória, dans vera cordis gáudia, sed super mel et ómnia eius dulcis praeséntia. Nil cánitur suávius, nil audítur iucúndius, nil cogitátur dúlcius, quam Jesus Dei Fílius. Jesu, spes paeniténtibus, quam pius es peténtibus, quam bonus te quaeréntibus, sed quid inveniéntibus! Nec lingua valet dícere, nec littera exprímere: expértus potest crédere quid sit Iesum dilígere. Sis, Iesu, nostrum gáudium, qui es futúrus praemium: sit nostra in te glória per cuncta semper saecula. Amen. O Gesù, ricordo di dolcezza Sorgente di forza vera al cuore Ma sopra ogni dolcezza Dolcezza è la Sua Presenza. Nulla si canta di più soave Nulla si ode di più giocondo Nulla di più dolce si pensa Che Gesù, Figlio di Dio. Gesù, speranza di chi ritorna al bene Quanto sei pietoso verso chi Ti desidera Quanto sei buono verso chi ti cerca Ma che sarai per chi ti trova! La bocca non sa dire La parola non sa esprimere Solo chi lo prova può credere Ciò che sia amare Gesù. Sii, o Gesù, la nostra gioia, Tu che sarai l’eterno premio; In te sia la nostra gloria Per ogni tempo. Amen.