La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Crux fidelis - 21
[

vedi: f11

]
Crux fidélis inter ómnes arbor una nóbilis nulla silva talem profert, fronde, flare, gérmine. Dulce lignum, dulces clavos, dulce pondus sústinet. Pange, lingua, gloriosi proelium certaminis, et super Crucis trophaeo dic triumphum nobilem, qualiter Redemptor orbis immolatus vicerit. De parentis protoplasti fraude Factor condolens, quando pomi noxialis morte morsu corruit, ipse lignum tunc notavit, damna ligni ut solveret. Hoc opus nostrae salutis ordo depoposcerat, multiformis proditoris ars ut artem falleret, et medelam ferret inde, hostis unde laeserat. Quando venit ergo sacri plenitudo temporis, missus est ab arce Patris natus, orbis, Conditor, atque ventre virginali carne factus prodiit. Vagit infans inter arcta conditus praesepia: membra pannis involuta Virgo Mater alligat: et manus pedesque et crura stricta cingit fascia. Lustra sex qui iam peracta tempus implens corporis, se volente, natus ad hoc, passioni deditus, Agnus in crucis levatur immolandus stipite. En acetum, fel, arundo, sputa, clavi, lancea: mite corpus perforatur, Sanguis, unda profluit terra, pontus, astra, mundus, quo lavantur flumine! Flecte ramos, arbor alta, tensa laxa viscera, et rigor lentescat ille, quem dedit nativitas, ut superni membra Regis miti tendas stipite. Sola digna tu fuisti ferre saeculi pretium, atque portum praeparare nauta mundo naufrago, quem sacer cruor perunxit, fusus Agni corpore. Aequa Patri Filioque, inclito Paraclito, sempiterna sit beatae Trinitati gloria, cuius alma nos redemit atque servat gratia. Amen. Croce fedele, fra tutti unico albero nobile: nessuna selva ne produce uno simile per fronde, fiori e frutti. Dolce legno, dolci chiodi che sostenete il dolce peso. Celebra, o lingua, la vittoria del glorioso combattimento, e racconta del nobile trionfo davanti al trofeo della croce: in che modo il redentore del mondo, pur essendo vittima, abbia vinto. Ecco, egli langue, abbeverato di fiele, poiché le spine, i chiodi e la lancia hanno trafitto il mite suo corpo, da cui sgorgano sangue ed acqua: in quel fiume sono lavati la terra, il mare, il cielo, il mondo. Piega i rami, o albero singolare, rilascia le fibre tese, si addolcisca quel rigore che natura ti diede ed offri un mite sostegno alle membra del re celeste. Tu solo fosti degno di sostenere la vittima del mondo; tu solo fosti l'arca degna di procurare un porto al naufrago mondo; tu, bagnato dal sacro sangue scaturito dal corpo dell'agnello. Sia gloria eterna alla beata Trinità; uguale onore al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Tutto il mondo dia lode al nome di Dio, uno e trino.