La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Conditor alme siderum - 21
[

vedi: f11

] - avv - Hymnus - IV - (g7)
Cónditor alme síderum, aetérna lux credéntium, Christe, redémptor ómnium, exáudi preces súpplicum. Qui cóndolens intéritu mortis períre saéculum, salvásti mundum lánguidum, donans reis remédium, Vergénte mundi véspere, uti sponsus de th&aeacute;lamo, egréssus honestíssima Vírginis matris cláusula. Cúius forti poténtiae genu curvántur ómnia; caeléstia, terréstria nutu faténtur súbdita. Te, Sancte, fide quaésumus, ventúre iúdex saéculi, consérva nos in témpore hostis a telo pérfidi. Sit, Christe, rex piíssime, tibi Patríque glória cum Spíritu Paráclito, in sempitérna saécula. Amen. O creatore benigno degli astri eterna luce dei credenti, o Cristo, redentore di tutti, esaudisci le preghiere di chi supplica. Tu che, addolorato che per rovina della morte perisce l'umanità salvasti il mondo snervato, donando ai colpevoli il rimedio. Al volgere della sera del mondo come promesso sposo uscito dal virtuosissimo grembo della Vergine Maria. Alla cui forte potenza tutto si piega in ginocchio; il cielo, la terra con inchino si riconoscono sudditi. Te, Santo, con fede imploriamo, venturo giudice del mondo, salva noi al tempo del nemico infido dagli strali. Sia, o Cristo, re piissimo, a te e al Padre gloria con lo Spirito Paraclito, nei secoli eterni. Amen.