La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Vexilla regis - 21
[

vedi: f11

]
Vexílla Regis pródeunt, fulget crucis mystérium, quo carne carnis cónditor suspénsus est patíbulo. Confíxa clavis víscera, tendens manus redemptiónis grátia hic immolata est hostia. Quo vulnerátus ínsuper mucróne dirae lancae; ut nos laváret crímine, manávit unda, sánguine. Impléta sunt qui cóncinit David fidéli cármine, dicéndo natiónibus: « Regnávit a ligno Deus ». Arbor decóra et fúlgida, ornáta regis púrpura, elécta digno stípite tam sancta membra tángere. Beáata, cujus bráchiis prétium pepéndit saéculi! Statéra facta est córporis, praedam tulítque tártari. Fundis aroma córtice, vincis sapóre néctare, jucúnda fructu fértili pláudis triúmpho nóbili. Salve, are, salve, víctima, de passiónis glória, qua vita mortem pértulit et morte vitam réddidit. O crux, ave, spes única! Hoc passiónis témpore áuge piis iustítiam reísque dona véniam. Te, summa, Deus, Trínitas, colláudet omnis spíritus; quos per crucis mystérium salvas, rege per saécula. Amen. Ecco il vessillo del Re, risplende il mistero della Croce, patibolo della carne del Salvatore. Straziata fin nelle viscere, inchiodata mani e piedi, la grazia della redenzione immolata si offre per noi. Un colpo di lancia crudele trafigge il santo petto; il sangue e l'acqua sgorgano per lavare i nostri peccati. S'adempie ciò che Davide, con spirito profetico, predisse un giorno ai popoli: « Iddio regnò dall'albero ». Albero ornato e fulgido, cui sangue regio imporpora, scelto da ceppo nobile per sostenere le sante membra. I tuoi rami soppesano il prezzo altissimo del mondo: il corpo che a te fu appeso riscattò la preda agli inferi! Da te si effondono profumi, più dolci del nettare; sei generoso di frutti e applaudi al vincitore. Salve altare della Vittima, gloria della passione di Colui che offrendosi alla morte restituì la vita agli uomini. O Croce, unica speranza, salve! In virtù della tua passione moltiplica le grazie a chi ti supplica e cancella i crimini dei peccatori. O Trinità, unico Dio, ti adorino i tuoi credenti unanimi; li hai redenti con il mistero della Croce, salvali per l'eternità. Amen.