Le canzoni

La Biondina in gondoleta

- - - canzone veneta

La Biondina in gondoleta
L'altra sera gh'ho menà:
Dal piaser la povareta,
La s'ha in bota indormenzà.

La dormiva su sto brazzo,
Mi ogni tanto la svegiava,
Ma la barca che ninava
La tornava a indormenzar.

G'era in cielo mezza sconta
Fra le nuvole la luna,
G'era in calma la laguna,
G'era il vento bonazzà.

Una solo bavesela
Sventolava i so' caveli,
E faceva che dai veli
Sconto el sen non fusse più.

Contemplando fisso fisso
Le fatezze del mio ben,
Quel viseto cussi slisso,
Quela boca e quel bel sen;

Me sentiva drento in petto
Una smania, un missiamento,
Una spezie de contento
Che no so come spiegar!

So' sta' un pezzo respettando,
Quel bel sonno ho sopportà,
Benché amor di quando in quando,
Ei m'avesse assai tentà

M'ho provà buttarme zoso
Là con ella pian pianino;
Ma col foco da vicino
Non potevo riposar.

M'ho stufà po' finalmente,
De 'sto tanto so' dormir,
E gh'ho fato da insolente,
No m'ho avuto da pentir;

Perchè, oh Dio, che bele cosse
Che gh'ho dito, e che gh'ho fato!
No, mai più tanto beato
Ai mii zorni no son sta. 


La biondina in gondoletta
L’altra sera ho accompagnata,
Dal piacere, la poveretta
S'è di botto addormentata.

Lei dormiva su 'sto braccio
Ma ogni tanto io la svegliava
Ma la barca che cullava
La tornava a addormentare.

C'era in ciel mezzo scoperta
Fra le nuvole la Luna,
Era in calma la laguna,
Cera il vento a bonazzar.

Solo un dolce fil di vento
Sventolava i suoi capelli,
E faceva che dei veli
'Scosto il sen non fosse più.

Contemplando fisso, fisso,
Le fattezze del mio bene,
Quel visetto così liscio,
Quella bocca e quel bel sen.

Io sentivo dentro al petto
Una smania, un mancamento,
Una specie di contento
Che non so come spiegar!

Per un pezzo rispettando
Quel bel sonno ho sopportato,
Benché amor di quando in quando.
Mi volesse assai tentar

A buttarmi giù ho provato
Là con ella pian pianino;
Ma col fuoco lì vicino;
Non potevo riposar.

Poi stancato finalmente,
di 'sto tanto sol dormire,
Io le ho fatto da insolente,
Non m'ho avuto da pentire.

Perchè, oh Dio, che belle cose
che le ho detto e che le ho fatto!
No, mai più tanto beato
Ai miei giorni non so star.