Le canzoni

Lauretta

S. Silvestri - G. Satulli - Quintilio - 1984 -

T'ho sognata vestita d'argento,
eri 'n angelo sceso dar cielo
e domani vestita de velo
papà tuo ti porta a sposà.

Le campane che suonano a festa
per la gioia di chi ti vo' bene,
papà tuo dentro er core ce tiene
i ricordi più belli de te.

Lauretta mia, bimba adorata,
la serenata te la canta papà.
La voce trema dall'emozione,
questa canzone l'ho fatta pe' te.


Eri piccola dentro alla culla,
te cantavo la ninna nanna
e se presto diventerai mamma,
capirai ciò che provo pe' te.

E coll'abbito bianco da sposa
tu sarai la più bella der mondo,
e si presto diventerò nonno,
ninna nanna ricanterò.

Giorno di festa e d'allegria
perchè sta fija me deve sposà
tu che sei dolce, candida e pura,
meriti un sacco de felicità.


C'è la luna che fa capocella
e rischiara sto vecchio cortile
dove è in ansia una bimba gentile
che domani si deve sposà.

Na cicala sull'albero è muta,
s'è svegliata l'intera borgata,
tutti senteno la serenata
che papà sta cantando pe' te,

l'acqua del fiume arriva ar mare
se la mia voce t'arriva lassù
papà stasera te chiede scusa
se nun t'ha dato quarcosa de più.


Tanto lunga sarà la nottata,
quanto grande sarà la tua attesa,
fino a quando domani lì in chiesa
allo sposo je' dici de sì,

mentre ar dito ti mette la vera
tu lo guardi e devi esser sincera
perché er vero linguaggio d'amore
vive solo de sincerità.

Viva la sposa, ti strilleranno,
sorridi a tutti e nun t'emozionà,
essi felice, bambina mia,
questo de core lo vole papà,

essi felice, bambina mia,
questo è l'augurio che te fà papà.