La mia preghiera è il canto.
Canti per una più attiva partecipazione alla Liturgia.
Te Deum - 12
[

vedi: p11

]
18. Tu, ad liberandum suscepturus hominem, * non horruísti Vírginis úterum. 19. Tu, devícto mortis acúleo, * aperuísti credéntibus regna coelórum. 20. Tu ad déxteram Dei sedes, * in glória Patris. 21. Iudex créderis * esse ventúrus. 22. Te ergo quaésumus, tuis fámulis súbveni, * quos pretióso sánguine redemísti. 23. Aetérna fac cum sanctis tuis * in glória numerári. 24. Salvum fac pópulum tuum, Dómine, * et bénedic hereditáte tuae. 25. Et rege eos, * et extólle illos usque in aetérnum. 26. Per síngulos dies * benedícimus Te; 27. et laudámus nomen tuum in saéculum, * et in saéculum saéculi. 28. Dignáre, Dómine, die isto * sine peccáto nos custodíre. 29. Miserére nostri, Dómine, * miserére nostri. 30. Fiat misericórdia tua, Dómine, super nos, * quemádmodum sperávimus in Te. 31. In Te, Dómine, sperávi: * non confúndar in aetérnum. Tu incarnandoti per liberare l'uomo non disdegnasti di scendere nel seno di una Vergine. Dopo aver vinta la morte, apristi ai credenti il regno dei cieli. Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre. Tu ritornerai un giorno, lo crediamo, a giudicare la terra. Te dunque, preghiamo: soccorri i tuoi servi, che hai redenti col tuo sangue prezioso. Fa' che siamo ammessi con i tuoi santi alla gloria eterna. Salva, o Signore, il tuo popolo e benedici la tua eredità. Guida i tuoi figli e falli giungere all'eternità. Tutti i giorno esaltiamo i tuoi benefici. E noi cantiamo la gloria del tuo nome, oggi e sempre e in tutti i secoli. Degnati, Signore, di preservarci in questo giorno da ogni peccato. Abbi pietà di noi, Signore, abbi pietà di noi. Vegli su di noi la tua bontà, Signore, poiché in te abbiamo messo la nostra speranza. In te, o Signore, è la mia speranza; che io non resti confuso in eterno.